firma

Nota Stampa – Attività criminali – Campagne di diffusione malware e virus ai danni degli utenti dei servizi PEC

NOTA STAMPA – ATTIVITÀ CRIMINALI – CAMPAGNE DI DIFFUSIONE MALWARE E VIRUS AI DANNI DEGLI UTENTI DEI SERVIZI PEC

Roma, 8 novembre 2019 – Recentemente gli utenti di Posta Elettronica Certificata sono stati oggetto di azioni criminali.

Il CERT-PA nelle sue attività di monitoraggio ha individuato numerose “campagne di attacco” veicolate tramite il canale della Posta Elettronica Certificata. È stato registrato, inoltre, un aumento della frequenza degli attacchi e un maggiore livello di sofisticazione degli stessi.

Ad attirare l’attenzione dei criminali informatici è stata presumibilmente l’enorme diffusione della PEC in Italia, con oltre 10 milioni e mezzo di caselle attive e quasi 430 milioni di messaggi scambiati nel bimestre marzo-aprile 2019 (fonte AgID).

Alla base di ogni campagna c’è l’utilizzo di una Botnet, ovvero una rete di PC e dispositivi vari compromessi da virus che diventano, spesso all’insaputa dei loro utilizzatori, veicolo di fenomeni come il phishing o il malware.

Il fenomeno identificato con il termine “phishing”, fa riferimento all’invio di email ingannevoli che, nella maggior parte dei casi, hanno l’obiettivo di carpire i dati di carte di credito o le credenziali di accesso a siti di ecommerce/home banking.

Le campagne di malware consistono nell’invio di file dannosi (un programma, un documento o un messaggio di posta elettronica) in grado di compromettere il sistema informatico utilizzato.

I fenomeni di cui sopra interessano indistintamente privati, aziende e professionisti. Per questo motivo, i Gestori PEC sono attivamente impegnati nell’analizzare gli attacchi in corso e nell’attuare ogni operazione tecnica necessaria a contrastare tali crimini.

All’interno di questo scenario diventa fondamentale l’informazione, l’educazione e il supporto agli utilizzatori delle caselle di Posta Elettronica Certificata.

Un ruolo importante nella lotta a fenomeni come phishing e malware lo ricoprono i titolari delle caselle PEC che dovrebbero adottare alcune buone norme di sicurezza di seguito raccomandate:

  • Modificare le password almeno con cadenza trimestrale;
  • Dotarsi di un software antivirus accertandosi che questo sia sempre attivo e sia altresì attiva la funzionalità di aggiornamento automatico;
  • Eseguire periodicamente una scansione antivirus della propria postazione/dispositivo e degli allegati che si intende aprire;
  • Accertarsi che la funzionalità “Aggiornamenti Automatici” del proprio sistema operativo sia attiva, in modo da garantire l’automatica applicazione delle correzioni di sicurezza disponibili;
  • Non cliccare su link se non si è sicuri della lecita provenienza;
  • Non scaricare gli allegati provenienti da mittenti sconosciuti;
  • Non eseguire le macro dei documenti Microsoft Office;
  • Diffidare da comunicazioni che richiedono l’esecuzione di azioni urgenti, credenziali di accesso o altre informazioni sensibili (es. istituti di credito e provider non chiedono di inserire dati sensibili all’interno di form online);
  • In caso di dubbi verificare su internet o sul sito https://www.cert-pa.it/ gli attacchi e i rischi in corso sul servizio PEC.

Nel caso in cui si sia cliccato su un link di dubbia provenienza, si siano fornite informazioni personali/riservate oppure si ritenga di essere stati infettati da un malware, è consigliabile intervenire tempestivamente sui dispositivi utilizzati per l’accesso alla casella PEC effettuando tutte le verifiche ed operazioni tecniche necessarie e notificare tempestivamente al proprio Gestore l’accaduto.

I singoli gestori valuteranno le azioni da intraprendere presso le opportune sedi competenti a tutela della propria clientela.